Itinerari Brianza (parte 2)

minodoc3

Gregario
15 Dicembre 2017
544
821
60
Brianza
Bici
Trek Emonda
allora ragazzi, resoconto della giornata. Abbiamo deciso di ragionare (fortunatamente) e quindi di spostare il sormano all'inizio dell'uscita. Parcheggiato zona lecco, saliti a sormano da pusiano, fatto il muro, scesi a nesso, bellagio, superghisallo più salita verso san primo (fine asfalto).
Ridiscesi verso onno e ritorno a lecco. Totale di 100km 2100d+
Traffico incredibile di ciclisti sulla salita di asso. Il muro me lo aspettavo duro e così è stato, probabilmente se l'avessimo fatta dopo il ghisallo avrei dovuto fermarmi ;pirlùn^ (tempo 16.45). Discesa verso nesso mi è piaciuta, molto all'ombra quindi ottima come salita estiva. Ghisallo con deviazione abbastanza dura e lunga, molto brutto l'asfalto in discesa. Un po' troppe macchine sulla litoranea e veramente troppo lunghe le due gallerie prima di arrivare a Malgrate.
Complimenti!!!!
 
  • Mi piace
Reactions: fulvosam

Pizzamanlight

Novellino
27 Aprile 2019
60
23
42
Molteno
Bici
Salsa-Cannondale-Nevi
Ieri ero in zona Sormano,volevo andare al pian del tivano,ma viste le strade allagate non sapevo le condizioni stradali,alla fine ho optato per salire fino al lago del segrino e salire fino al cartello di Sormano.
Acqua e foglie per lo piu',ma fattibile.
Alla fine sono arrivato poco dopo al cartello e sono sceso,c'erano 12 gradi umidi e avevo freddo.
 

Davids81

Pignone
18 Ottobre 2009
263
15
Buongiorno a tutti,sono un mezzo neofita e chiedo qui che mi sembrate ferrati sulla materia.
Nel prossimo we (tempo permettendo) vorrei provare a fare il Cornizzolo.
La cosa mi stuzzica e mi spaventa un pò allo stesso tempo, in quanto mi sembra di capire sia proprio duro.
Volevo chiedere, io di roba con pendenze importanti ho fatto solo il lissolo: in termini di pendenze (non di lunghezza ovviamente), le rampe sono assimilabili?
Il pezzo duro duro sono circa 4 km giusto?
intanto grazie!
 

Il Trattore

Paracarro
14 Luglio 2017
7.283
13.398
Bici
con due ruote
Buongiorno a tutti,sono un mezzo neofita e chiedo qui che mi sembrate ferrati sulla materia.
Nel prossimo we (tempo permettendo) vorrei provare a fare il Cornizzolo.
La cosa mi stuzzica e mi spaventa un pò allo stesso tempo, in quanto mi sembra di capire sia proprio duro.
Volevo chiedere, io di roba con pendenze importanti ho fatto solo il lissolo: in termini di pendenze (non di lunghezza ovviamente), le rampe sono assimilabili?
Il pezzo duro duro sono circa 4 km giusto?
intanto grazie!
Allora, direi più duro del Lissolo, ma di parecchio. Ti direi che siamo sui livelli di Giovenzana da Santa Maria Hoe, il problema è che impieghi quasi il triplo del tempo che a far Giovenzana. E' una specie di "piccolo Mortirolo" (di quello da Mazzo intendo). Sono 7 km al 10% (i più duri dal 3o al 6o km circa, al 12% medio). Ripeto però che sono pendenze medie, ci sono parecchi tornanti che fanno scendere la pendenza media, nei tratti dritti in realtà sei sempre intorno al 14-15%. L'altro problema è che, a differenza del Lissolo, non spiana mai, ma proprio mai (l'unico falsopiano ce l'hai negli ultimi 500 metri ma ormai sei arrivato).
Nella prima parte (fino alla sbarra, dove devi letteralmente scendere dalla bici) l'asfalto è anche parecchio rovinato e ciò complica abbastanza le cose (dopo la sbarra è praticamente nuovo perché le auto non possono salire). Se sei neofita direi che serve 34x28 sicuramente, 34x30 o 34x32 ancora meglio (poi io l'ho fatto con 39x28 / 39x30 ma serve un po' di gamba).
Per carità, si fa, non è impossibile (non ci sono muri al 20%), ma non è il Lissolo. Poi se becchi la giornata senza nuvole, la vista dalla cima è impagabile.
 

Davids81

Pignone
18 Ottobre 2009
263
15
Allora, direi più duro del Lissolo, ma di parecchio. Ti direi che siamo sui livelli di Giovenzana da Santa Maria Hoe, il problema è che impieghi quasi il triplo del tempo che a far Giovenzana. E' una specie di "piccolo Mortirolo" (di quello da Mazzo intendo). Sono 7 km al 10% (i più duri dal 3o al 6o km circa, al 12% medio). Ripeto però che sono pendenze medie, ci sono parecchi tornanti che fanno scendere la pendenza media, nei tratti dritti in realtà sei sempre intorno al 14-15%. L'altro problema è che, a differenza del Lissolo, non spiana mai, ma proprio mai (l'unico falsopiano ce l'hai negli ultimi 500 metri ma ormai sei arrivato).
Nella prima parte (fino alla sbarra, dove devi letteralmente scendere dalla bici) l'asfalto è anche parecchio rovinato e ciò complica abbastanza le cose (dopo la sbarra è praticamente nuovo perché le auto non possono salire). Se sei neofita direi che serve 34x28 sicuramente, 34x30 o 34x32 ancora meglio (poi io l'ho fatto con 39x28 / 39x30 ma serve un po' di gamba).
Per carità, si fa, non è impossibile (non ci sono muri al 20%), ma non è il Lissolo. Poi se becchi la giornata senza nuvole, la vista dalla cima è impagabile.

Accidenti mi fai venire dei dubbi allora.
Prima di tutto ho il 36x28 come rapporto minimo...
Inoltre pensavo che le rampe del Lissolo fossero introno al 14-15%, più di così la vedo dura a salire...
Giovenzana non l'ho fatta, da salite in zona ho fatto solo Sormano normale (che di pendenze difficili non ne ha).
 

Il Trattore

Paracarro
14 Luglio 2017
7.283
13.398
Bici
con due ruote
Accidenti mi fai venire dei dubbi allora.
Prima di tutto ho il 36x28 come rapporto minimo...
Inoltre pensavo che le rampe del Lissolo fossero introno al 14-15%, più di così la vedo dura a salire...
Giovenzana non l'ho fatta, da salite in zona ho fatto solo Sormano normale (che di pendenze difficili non ne ha).
Se non hai problemi a farti tra i 40' e i 50' di salita costantemente al di sotto delle 55 rpm puoi anche provarci.
Ribadisco che muri veri e propri (intendo da 17% in su) non ce ne sono. Il problema del Cornizzolo non sono le pendenze in senso assoluto ma il tempo che passi a quelle pendenze.
Così su due piedi ti direi di provarci comunque, prendilo molto piano (appena inizia la salita ci sono due tornanti veramente in piedi), parti proprio alla minima velocità che ti consente di salire senza andare a zig zag (lo "zig zag" tienitelo come jolly per la parte centrale veramente dura).
Poi magari lo finisci facile e pensi che il mio sia stato solo terrorismo :mrgreen: però se vai in acido lattico già nei primi 500 metri in cima non ci arrivi nemmeno a piedi...
 

Davids81

Pignone
18 Ottobre 2009
263
15
Se non hai problemi a farti tra i 40' e i 50' di salita costantemente al di sotto delle 55 rpm puoi anche provarci.
Ribadisco che muri veri e propri (intendo da 17% in su) non ce ne sono. Il problema del Cornizzolo non sono le pendenze in senso assoluto ma il tempo che passi a quelle pendenze.
Così su due piedi ti direi di provarci comunque, prendilo molto piano (appena inizia la salita ci sono due tornanti veramente in piedi), parti proprio alla minima velocità che ti consente di salire senza andare a zig zag (lo "zig zag" tienitelo come jolly per la parte centrale veramente dura).
Poi magari lo finisci facile e pensi che il mio sia stato solo terrorismo :mrgreen: però se vai in acido lattico già nei primi 500 metri in cima non ci arrivi nemmeno a piedi...
ahahah.....vengo a prenderti se mi hai fregato!!!
Boh ci penso....ho un pò paura delle 55 rpm per così tanto tempo, in fondo le mie ginocchia non sono così perfermanti!!
Magari mi faccio qualcosa di più fattibile..... mica devo per forza morire...
 

Il Trattore

Paracarro
14 Luglio 2017
7.283
13.398
Bici
con due ruote
ahahah.....vengo a prenderti se mi hai fregato!!!
Boh ci penso....ho un pò paura delle 55 rpm per così tanto tempo, in fondo le mie ginocchia non sono così perfermanti!!
Magari mi faccio qualcosa di più fattibile..... mica devo per forza morire...
Se non sei distante prova Valcava da Torre de Busi prima (ok, non è Brianza ma molto vicino). Se superi gli ultimi 3 km senza rischiare infarti sei pronto per il Cornizzolo :mrgreen:
 

Carlao69

Apprendista Velocista
3 Giugno 2009
1.416
107
51
principato di Oreno (Vimercate)
Bici
Rose X-Lite Team 3100 + Specy Tarmac Comp SL2 - MTB Canyon Exceed CF SL 7.9 Di2
Accidenti mi fai venire dei dubbi allora.
Prima di tutto ho il 36x28 come rapporto minimo...
Inoltre pensavo che le rampe del Lissolo fossero introno al 14-15%, più di così la vedo dura a salire...
Giovenzana non l'ho fatta, da salite in zona ho fatto solo Sormano normale (che di pendenze difficili non ne ha).
Il Lissolo "classico" ha pendenze massime intorno al 15-16, prima dell'incrocio della Bernaga, dove si svolta a destra verso il monastero, mentre il Cornizzolo è più cattivo, con i 5 km centrali all'11% circa di pendenza media, e punte vicine al 20%, io ho un 36-30 come rapporto più leggero...

in Brianza ci sono svariati "muretti", quando ho imparato a conoscerli, ho pensato che il Lissolo non è poi così infame: oltre alla già citata Giovenzana, c'è il famoso strappo dell'Alpino da Ello a Villa Vergano, il Malavoglia da Oggiono a Ello, la via Montello da Cologna, Consonno (entrambi i versanti, ma da Olginate 3 km cattivi), sicuramente ne ho dimenticato qualcuno...
 

Davids81

Pignone
18 Ottobre 2009
263
15
Azz....sapevo di dover chiedere qui per info di qualità:-)xxxx...
In verità a me il lissolo piace parecchio, però li il bello è che lo sforzo è limitato al paio di km... ho paura che il Cornizzolo sia troppo per me.
Guardando Giovenzana mi sembra decisamente più fattibile. Confermate?
Oppure se me la voglio prendere facile facile vado su al colle brianza e vada per un'altra volta le pendenze HC!!
 

Il Trattore

Paracarro
14 Luglio 2017
7.283
13.398
Bici
con due ruote
Azz....sapevo di dover chiedere qui per info di qualità:-)xxxx...
In verità a me il lissolo piace parecchio, però li il bello è che lo sforzo è limitato al paio di km... ho paura che il Cornizzolo sia troppo per me.
Guardando Giovenzana mi sembra decisamente più fattibile. Confermate?
Oppure se me la voglio prendere facile facile vado su al colle brianza e vada per un'altra volta le pendenze HC!!
Giovenzana (parlo di quella presa da Santa Maria Hoe ovviamente) è più dura come pendenze (in alcuni tratti raggiungi il 18%) ma è corta, soffri un attimo ma la fai.

Guarda che per me tentar non nuoce, puoi "buttarti" a fare il Cornizzolo. Alla peggio giri la bici ma almeno hai preso le misure per la volta dopo.
Io sono allenato ma non pensare che se vado a farlo sono tranquillo :mrgreen: A quelle pendenze si preoccupano tutti :))):
 

Bitossi

Cronoman
5 Maggio 2008
798
64
Monza
Bici
Ciulata
Buongiorno a tutti,sono un mezzo neofita e chiedo qui che mi sembrate ferrati sulla materia.
Nel prossimo we (tempo permettendo) vorrei provare a fare il Cornizzolo.
La cosa mi stuzzica e mi spaventa un pò allo stesso tempo, in quanto mi sembra di capire sia proprio duro.
Volevo chiedere, io di roba con pendenze importanti ho fatto solo il lissolo: in termini di pendenze (non di lunghezza ovviamente), le rampe sono assimilabili?
Il pezzo duro duro sono circa 4 km giusto?
intanto grazie!
Come scritto praticamente da tutti, Lissolo e Cornizzolo sono due salite molto diverse, potremmo dire appartenenti a differenti categorie.
Breve ma intenso il primo, con il notevole bonus della contropendenza, anzi vera e propria discesina per potere respirare e prendere pure l'abbrivio per la parte finale (verrebbe quasi da denominarlo "serie di strappi", se non fosse che soprattutto la prima parte è lunghetta per essere uno strappo :roll:). Ottimo in allenamento, anche ripetendolo, tant'è che per gioco una volta con un amico l'abbiamo fatto 7 volte (anche perché non ricordavamo se il record precedente fosse di 5 o di 6... :mrgreen:).
Salita vera e propria il secondo, quindi con necessità di sforzo diverso, con un occhio alla distribuzione. Comunque certamente non impossibile, ma necessita di allenamento sulla tenuta allo sforzo prolungato. Come primo paragone mi viene la Valcava da Torre de' Busi, molto assimilabile ma con l'aggravante della parte finale più difficoltosa.

Peccato che il Cornizzolo, ovviamente per motivi logistici e di spazio in cima, non possa essere utilizzato in competizioni importanti, magari in una gara a tappe. Si vedrebbero emergere atleti molto diversi da quelli che emergono sul Lissolo, anche ripetuto più volte come nella Coppa Agostoni... ;-)
 

Davids81

Pignone
18 Ottobre 2009
263
15
Come scritto praticamente da tutti, Lissolo e Cornizzolo sono due salite molto diverse, potremmo dire appartenenti a differenti categorie.
Breve ma intenso il primo, con il notevole bonus della contropendenza, anzi vera e propria discesina per potere respirare e prendere pure l'abbrivio per la parte finale (verrebbe quasi da denominarlo "serie di strappi", se non fosse che soprattutto la prima parte è lunghetta per essere uno strappo :roll:). Ottimo in allenamento, anche ripetendolo, tant'è che per gioco una volta con un amico l'abbiamo fatto 7 volte (anche perché non ricordavamo se il record precedente fosse di 5 o di 6... :mrgreen:).
Salita vera e propria il secondo, quindi con necessità di sforzo diverso, con un occhio alla distribuzione. Comunque certamente non impossibile, ma necessita di allenamento sulla tenuta allo sforzo prolungato. Come primo paragone mi viene la Valcava da Torre de' Busi, molto assimilabile ma con l'aggravante della parte finale più difficoltosa.

Peccato che il Cornizzolo, ovviamente per motivi logistici e di spazio in cima, non possa essere utilizzato in competizioni importanti, magari in una gara a tappe. Si vedrebbero emergere atleti molto diversi da quelli che emergono sul Lissolo, anche ripetuto più volte come nella Coppa Agostoni... ;-)
grazie anche a te per le risposte.
Guarda, alla fine penso che desisterò: non sono in perfette condizioni fisiche (un pò do condropatia alle ginocchia che deve tenere sotto controllo), e non vorrei esagerare e poi dovere piangere per qualche giorno.
A me piace molto il Lissolo e lo vedo molto bello per gli allenamenti (nel mio piccolo provo a farlo bello allegro tutte le volte), però ho l'impressione che li non riesci ad allenarti per una salita ma fai qualcosa di "diverso".
Per intenderci...7 volte il lissolo lo hai fatto non penso per allenare la salita ma o per divertimento o per allenare una sorta di esplosività o sbaglio...???
 

Bitossi

Cronoman
5 Maggio 2008
798
64
Monza
Bici
Ciulata
grazie anche a te per le risposte.
Guarda, alla fine penso che desisterò: non sono in perfette condizioni fisiche (un pò do condropatia alle ginocchia che deve tenere sotto controllo), e non vorrei esagerare e poi dovere piangere per qualche giorno.
A me piace molto il Lissolo e lo vedo molto bello per gli allenamenti (nel mio piccolo provo a farlo bello allegro tutte le volte), però ho l'impressione che li non riesci ad allenarti per una salita ma fai qualcosa di "diverso".
Per intenderci...7 volte il lissolo lo hai fatto non penso per allenare la salita ma o per divertimento o per allenare una sorta di esplosività o sbaglio...???
Chiaro, è come scrivi: salite brevi ma intense allenano la forza esplosiva, quella per intenderci da classica fiamminga; una salita seria come il Cornizzolo mette in opera la resistenza allo sforzo, il “fondo”, e doti da scalatore puro.
Quindi Lissolo adatto ad Alaphilippe, Hirschi, ecc. (come a molti altri del passato, tipo Bettini); Cornizzolo per Pantani, Fuente, ecc... :mrgreen:

PS: la ragione più importante delle 7 volte il Lissolo... è sostanzialmente la stupidità! :))):
(Magari mettiamoci anche la voglia di farsi un po’ male, e verificare come si va appunto quando ci sono difficoltà non eccessive distribuite con una certa frequenza. Sono andato a controllare su Strava: negli ultimi 5 anni ci è capitato - di solito sempre con lo stesso amico sbandato :mrgreen: - di scalarlo una volta come detto 7 volte, due volte 4 tra cui una recentemente, una 5, ed in diversi casi 2 volte. Curiosamente mai 3. Ovviamente facendo il giro classico che ti riporta a Perego tramite la discesa Sirtori-Ceregallo...o-o)
 

Tom005

Novellino
5 Febbraio 2020
14
2
29
aosta
Bici
giant
Ciao a tutti, sono nuovo di Monza, ho letto qualcosa sul forum, ma ci sono diversi thread.
Volevo fare un piccolo recap.

Riguardo alle salite se ho letto bene si parla di Colle Brianza e poi in zona lago, giusto?
Mentre per qualche giro in zona ? Cercando di evitare traffico cosa mi consigliate?
Grazie
 

Bitossi

Cronoman
5 Maggio 2008
798
64
Monza
Bici
Ciulata
Ciao a tutti, sono nuovo di Monza, ho letto qualcosa sul forum, ma ci sono diversi thread.
Volevo fare un piccolo recap.

Riguardo alle salite se ho letto bene si parla di Colle Brianza e poi in zona lago, giusto?
Mentre per qualche giro in zona ? Cercando di evitare traffico cosa mi consigliate?
Grazie
Dunque, partiamo dal presupposto che Monza è comunque un capoluogo di provincia di dimensioni medie (a ben vedere, la terza della Lombardia per popolazione), e quindi il problema traffico è scontato, dal lunedì al sabato, per una fascia diciamo di una dozzina di km. Fascia per modo di dire, perché la direzione possibile è praticamente solo il nord, non essendoci percorsi adatti alla bicicletta da strada in altre direzioni, forse con la sola eccezione del nord/est (bergamasca), ma anche questa con notevoli problemi stradali nei giorni lavorativi. Ovviamente esistono percorsi paralleli e alternativi alla viabilità principale, imparando bene le strade di alcuni comuni limitrofi, ma col rischio di fare giri poco “fluidi”, in sostanza poco interessanti.
Tutta un’altra storia invece se si dispone di una MTB o anche di una Gravel, ma solo per alcuni percorsi (non siamo in Toscana, Veneto, Piemonte, purtroppo...). Ecco perché molti di noi hanno una “doppia vita”, e cioè l’utilizzo della bici da corsa solo la domenica, o al massimo nel weekend (in effetti il sabato va un po’ meglio, ma il traffico è comunque sensibile, almeno per i 10/12 km di cui sopra), usando invece le altre bici negli altri giorni della settimana.
Comunque, anche in settimana non è che sia impossibile utilizzare la bici da strada, soprattutto se non si hanno alternative; è solo che l’esperienza, magari pure per il minor tempo a disposizione, rischia di essere meno piacevole. ;-)
Quindi, se la domanda è che cosa si può fare su asfalto, rimanendo nell’ambito di giri da 50/70 km, per esempio avendo quelle due/tre ore postlavorative dalla primavera in poi, e ovviamente facendo un minimo di salita, direi che le destinazioni più comuni partendo da Monza città possono essere Sirtori con o senza Lissolo, Montevecchia (ma poi bisogna tornare indietro, a meno che non si disponga di una Gravel), le salitelle intorno a Carate Brianza (la strada per Monticello, o lo strappo duretto chiamato Orlanda, che porta verso Calò), lo strappo della Bevera e la sua variante meno trafficata, cioè la Beveretta, i diversi percorsi del Monte di Brianza tra Oggiono e Colle Brianza, ecc. ecc.
Non farti problemi a chiedere ragguagli su questi ed altri percorsi, anche a più ampio raggio... o-o
(Tutto sommato non va malissimo, personalmente ho abitato anche in zone in cui la prima salita era a 50 km di distanza, e con problemi di viabilità simili se non peggiori... :mrgreen:)
 

Tom005

Novellino
5 Febbraio 2020
14
2
29
aosta
Bici
giant
Dunque, partiamo dal presupposto che Monza è comunque un capoluogo di provincia di dimensioni medie (a ben vedere, la terza della Lombardia per popolazione), e quindi il problema traffico è scontato, dal lunedì al sabato, per una fascia diciamo di una dozzina di km. Fascia per modo di dire, perché la direzione possibile è praticamente solo il nord, non essendoci percorsi adatti alla bicicletta da strada in altre direzioni, forse con la sola eccezione del nord/est (bergamasca), ma anche questa con notevoli problemi stradali nei giorni lavorativi. Ovviamente esistono percorsi paralleli e alternativi alla viabilità principale, imparando bene le strade di alcuni comuni limitrofi, ma col rischio di fare giri poco “fluidi”, in sostanza poco interessanti.
Tutta un’altra storia invece se si dispone di una MTB o anche di una Gravel, ma solo per alcuni percorsi (non siamo in Toscana, Veneto, Piemonte, purtroppo...). Ecco perché molti di noi hanno una “doppia vita”, e cioè l’utilizzo della bici da corsa solo la domenica, o al massimo nel weekend (in effetti il sabato va un po’ meglio, ma il traffico è comunque sensibile, almeno per i 10/12 km di cui sopra), usando invece le altre bici negli altri giorni della settimana.
Comunque, anche in settimana non è che sia impossibile utilizzare la bici da strada, soprattutto se non si hanno alternative; è solo che l’esperienza, magari pure per il minor tempo a disposizione, rischia di essere meno piacevole. ;-)
Quindi, se la domanda è che cosa si può fare su asfalto, rimanendo nell’ambito di giri da 50/70 km, per esempio avendo quelle due/tre ore postlavorative dalla primavera in poi, e ovviamente facendo un minimo di salita, direi che le destinazioni più comuni partendo da Monza città possono essere Sirtori con o senza Lissolo, Montevecchia (ma poi bisogna tornare indietro, a meno che non si disponga di una Gravel), le salitelle intorno a Carate Brianza (la strada per Monticello, o lo strappo duretto chiamato Orlanda, che porta verso Calò), lo strappo della Bevera e la sua variante meno trafficata, cioè la Beveretta, i diversi percorsi del Monte di Brianza tra Oggiono e Colle Brianza, ecc. ecc.
Non farti problemi a chiedere ragguagli su questi ed altri percorsi, anche a più ampio raggio... o-o
(Tutto sommato non va malissimo, personalmente ho abitato anche in zone in cui la prima salita era a 50 km di distanza, e con problemi di viabilità simili se non peggiori... :mrgreen:)

Ottimo, grazie mille delle info.
Intendevo proprio quello che hai detto, quei giri post-lavorativi di due / tre orette al massimo. Perfetto, mi sono segnato tutto.

Quindi per raggiungere quei posti si va verso nord. Mettendo in preventivo quella dozzina di km di traffico quale è la strada migliore secondo te tra quelle che ci sono?

Nel weekend poi per i giri a più ampio raggio ho letto che si va in zona lago, giusto?

Ultima cosa, nel parco di Monza si gira in bici da corsa o cè troppa gente?

Grazie
 

minodoc3

Gregario
15 Dicembre 2017
544
821
60
Brianza
Bici
Trek Emonda
Ottimo, grazie mille delle info.
Intendevo proprio quello che hai detto, quei giri post-lavorativi di due / tre orette al massimo. Perfetto, mi sono segnato tutto.

Quindi per raggiungere quei posti si va verso nord. Mettendo in preventivo quella dozzina di km di traffico quale è la strada migliore secondo te tra quelle che ci sono?

Nel weekend poi per i giri a più ampio raggio ho letto che si va in zona lago, giusto?

Ultima cosa, nel parco di Monza si gira in bici da corsa o cè troppa gente?

Grazie
Dipende dagli orari e giorni. Un mio amico è stata masticato pure da un cane!
 
  • Mi piace
Reactions: Bitossi

Bitossi

Cronoman
5 Maggio 2008
798
64
Monza
Bici
Ciulata
Dipende dagli orari e giorni. Un mio amico è stata masticato pure da un cane!
:mrgreen::mrgreen::mrgreen: Di solito la scena è: D: ”Morde?” R: “Ma si figuri, passi pure!“ (e si perde un arto inferiore... :))):)

Comunque, personalmente sono per la pacifica convivenza, ma a volte la famiglia Brambilla dà effettivamente problemi: quello che noto più frequentemente è lo schierarsi a tutta carreggiata, con cani o senza, cosicché quando si arriva da dietro si è spesso costretti a chiedere timidamente il permesso. :mrgreen:
Anche qui, dipende dagli orari e dai giorni, ma la recente decisione, si spera definitiva, di aprire al traffico il viale Cavriga solo prima e dopo gli orari di lavoro ha facilitato un po’ le cose. Poi, chiaramente, c’è chi è privilegiato, visto che sta a ca’ a fa’ nigott... :oold:

In ogni caso, continuando a rispondere a @Tom005: il Parco di interessante ha solo alcuni percorsi che valgono come test, ad esempio quello della mezza maratona (ma c’è un pezzo un po’ complicato da fare in bdc), i 10 km, ecc. Sempre con un occhio ai giorni e agli orari di cui sopra. Su Strava ci sono un po’ tutti.

Invece, con più tempo a disposizione, leggi sabato o meglio domenica, allora la Brianza diventa un posto veramente interessante: potendo allungare e di molto i percorsi, per chi come me non ama prendere l’auto a meno che non sia strettamente necessario (tipo andare a fare un giro in Austria... :mrgreen:), le possibilità aumentano esponenzialmente, e a volte pure la durezza del giro.
Cito alla rinfusa i più gettonati, oltre a quelli già menzionati: la zona del Ghisallo, preso da tutte le parti possibili, anche con varianti più semplici; i Laghi, in particolare quello di Como (fatto recentemente il giro completo con partenza da Monza, Bellagio compreso = 240 km... :pork:); il Cornizzolo, il Barro e l’Alpe del Viceré (tutti ahimè da scalare e poi tornare indietro), oltre ad una miriade di altre salite e salitelle combinando i percorsi; il Lecchese con la Valsassina, la Bergamasca, ecc.
Dipende, come sempre, dalla condizione che si ha, dal tempo a disposizione, e da quello che si preferisce fare.
Invito ancora @Tom005 a chiedere ulteriori informazioni senza problemi... o-o