Problemi coi freni a disco

SCR1

Recordman
19 Maggio 2008
31.598
6.717
Fiorentino ai 100%
Bici
Scott CR1 SL+Specialized New tarmac SL6
È corretto che le pastiglie L05A sostituiscono le L03A?
Impianto Dura ace 9170
In realtà si , ma non compaiono sul documento 2022, comunque le danno un 40% più resistenti delle L03A le quali erano un 30 % più resistenti delle L02, attendiamo di non consumarle più
 

sembola

Passista
22 Aprile 2004
4.214
3.652
Siena
www.sembola.it
Bici
verde
Questo vale anche per altri componenti, se si intraprende una operazione casalinga e non si sa cosa fare , chiaramente si legge e si domanda su un forum, ma non si addita il progettista, si cerca di capire come sia la regola per usare tale prodotto, posto che on line ci sono dozzine di manuali che comunque mostrano come fare.
Io per lavoro mi occupo anche di procedure che un numero indeterminato di utenti deve svolgere in autonomia. Ecco, le istruzioni NON LE LEGGE NESSUNO, puoi scriverle bene o male. In piccolo od in grosso, non c'è nulla da fare .L'unico modo per essere sicuro che la procedura "funzioni" (= l'utente ottenga quanto necessita) è che non ci siano modi per sbagliare. E parliamo di utenti motivati (devono usare certi strumenti e procedure) e di un certo livello tecnico.

Questo vale (o dovrebbe valere) per qualsiasi oggetto di uso “comune" e non specializzato; in questi caso parliamo di trasportare la bici smontando una ruota, non di spurgare l'impianto. Se serve il manuale per capire come si aziona una maniglia o si infila un distanziale, consentimi di pensare che l'oggetto non sia progettato bene dal punto di vista dell'usabilità.
 

Lumi

Apprendista Scalatore
8 Novembre 2020
1.855
1.579
51
Legnano
Bici
Colnago V3Rs
Io per lavoro mi occupo anche di procedure che un numero indeterminato di utenti deve svolgere in autonomia. Ecco, le istruzioni NON LE LEGGE NESSUNO, puoi scriverle bene o male. In piccolo od in grosso, non c'è nulla da fare .L'unico modo per essere sicuro che la procedura "funzioni" (= l'utente ottenga quanto necessita) è che non ci siano modi per sbagliare. E parliamo di utenti motivati (devono usare certi strumenti e procedure) e di un certo livello tecnico.

Questo vale (o dovrebbe valere) per qualsiasi oggetto di uso “comune" e non specializzato; in questi caso parliamo di trasportare la bici smontando una ruota, non di spurgare l'impianto. Se serve il manuale per capire come si aziona una maniglia o si infila un distanziale, consentimi di pensare che l'oggetto non sia progettato bene dal punto di vista dell'usabilità.
Stiamo parlando di un distanziale di plastica per le pastiglie dei freni, non credo sia stato progettato da un ingegnere della NASA, secondo me lo hanno fatto fare allo stagista del team di design vista la rilevanza di questo pezzo nel complesso del portafoglio prodotti SRAM, cara grazia che il distanziale fa il suo dovere, forse abbiamo un'aspettativa esagerata ...
 

bianco70

Velocista
22 Agosto 2007
5.141
2.765
Bologna
Bici
Wilier 110 Air
Stiamo parlando di un distanziale di plastica per le pastiglie dei freni, non credo sia stato progettato da un ingegnere della NASA, secondo me lo hanno fatto fare allo stagista del team di design vista la rilevanza di questo pezzo nel complesso del portafoglio prodotti SRAM, cara grazia che il distanziale fa il suo dovere, forse abbiamo un'aspettativa esagerata ...
Forse visto quanto si paga per tutto ciò che sta attorno a quel distanziale l'aspettativa è giustificata.
Anche se l'avessero fatto fare al primo che passava fuori dagli uffici è poi passato sotto altre persone, per verificare la geometria per lo stampaggio, progettare lo stampo, il packaging, i trasporti ecc.
E ci sarà stato un capo progetto, ed una serie di responsabili dei vari sottogruppi del progetto stesso.
A mio modo di vedere l'atteggiamento del "tanto non è importante, facciamolo alla membro di segugio" è sempre sbagliato, in ogni ambito.
 

Lumi

Apprendista Scalatore
8 Novembre 2020
1.855
1.579
51
Legnano
Bici
Colnago V3Rs
Forse visto quanto si paga per tutto ciò che sta attorno a quel distanziale l'aspettativa è giustificata.
Anche se l'avessero fatto fare al primo che passava fuori dagli uffici è poi passato sotto altre persone, per verificare la geometria per lo stampaggio, progettare lo stampo, il packaging, i trasporti ecc.
E ci sarà stato un capo progetto, ed una serie di responsabili dei vari sottogruppi del progetto stesso.
A mio modo di vedere l'atteggiamento del "tanto non è importante, facciamolo alla membro di segugio" è sempre sbagliato, in ogni ambito.
Mah ... non sono d'accordo, stiamo parlando di un non problema, la rilevanza di questa cosa è pari allo zero assoluto, non c'è alcun rischio nè di rovinare la bici nè di incidenti, le aziende lavorano a risorse finite in un mercato competitivo, non vedo il motivo per cui qualcuno in SRAM avrebbe dovuto dedicare risorse a risolvere un non problema
 

sembola

Passista
22 Aprile 2004
4.214
3.652
Siena
www.sembola.it
Bici
verde
A mio modo di vedere l'atteggiamento del "tanto non è importante, facciamolo alla membro di segugio" è sempre sbagliato, in ogni ambito.
Spesso non non c'è volontà di non "impegnarsi" ma semplicemente si ritiene che sia sufficiente qualcosa di più semplice. Il problema è questa valutazione è facilmente viziata dalle conoscenze pregresse, per cui ciò che è ovvio per un tecnico o comunque per chi è esperto ("... la clip serve a incastrarsi nella vite pastiglie, quindi quello è il verso di inserimento...") può non esserlo per chi esperto non è.

Del resto qua sul forum leggiamo tante domande che a qualcuno di noi appaiono banali . Evidentemente per chi l'ha posta la questione non era tanto ovvia ;-)
 

sembola

Passista
22 Aprile 2004
4.214
3.652
Siena
www.sembola.it
Bici
verde
Mah ... non sono d'accordo, stiamo parlando di un non problema, la rilevanza di questa cosa è pari allo zero assoluto, non c'è alcun rischio nè di rovinare la bici nè di incidenti, le aziende lavorano a risorse finite in un mercato competitivo, non vedo il motivo per cui qualcuno in SRAM avrebbe dovuto dedicare risorse a risolvere un non problema
Premetto che le mie sono obiezioni di metodo.

E' vero che il componente non si danneggia se usi il distanziale alla rovescia, ma se lo fai la funzione può essere vanificata (il distanziale non viene bloccato in sede).

Poi mi limito ad osservare che SRAM non è l'unica azienda a dover lavorare con "risorse finite in un mercato competitivo", e che lo stesso (apparentemente insignificante) accessorio prodotto da altre aziende è fatto in maniera diversa ed inequivocabile...
 
  • Mi piace
Reactions: bianco70

bianco70

Velocista
22 Agosto 2007
5.141
2.765
Bologna
Bici
Wilier 110 Air
Mah ... non sono d'accordo, stiamo parlando di un non problema, la rilevanza di questa cosa è pari allo zero assoluto, non c'è alcun rischio nè di rovinare la bici nè di incidenti, le aziende lavorano a risorse finite in un mercato competitivo, non vedo il motivo per cui qualcuno in SRAM avrebbe dovuto dedicare risorse a risolvere un non problema
Punti di vista che non condivido ma che comunque rispetto in pieno.
Resto comunque dell'idea che queste piccole cose, perchè lo sono davvero, sono quelle che rendono diversa un azienda dall'altra nei confronti della propria clientela.
Una si rivela attenta ad ogni aspetto, un altra si rivela meno attenta.
Una cura i dettagli, l'altra meno.
Una "coccola" l'utente in ogni aspetto, l'altra meno.
Poi, come dici tu, non si tratta di cose fondamentali, però magari nel tempo potrebbero far sì che, a parità di prezzo e prestazioni del prodotto, un cliente si orienti verso chi gli da quel qualcosa in più, piccolo che sia.
 

Lumi

Apprendista Scalatore
8 Novembre 2020
1.855
1.579
51
Legnano
Bici
Colnago V3Rs
Poi, come dici tu, non si tratta di cose fondamentali, però magari nel tempo potrebbero far sì che, a parità di prezzo e prestazioni del prodotto, un cliente si orienti verso chi gli da quel qualcosa in più, piccolo che sia.
Io sono assolutamente convinto che nessuno sceglierà mai di non comprare SRAM per colpa di un distanziale che non indica il verso di inserimento e che non causa nessun problema all'atto pratico, motivo per cui sono assolutamente convinto che SRAM non ha fatto nessun errore di progetto in questo caso (magari ne ha fatti altri, ma non lo so).

Aggiungo che la perfezione del design non è frutto del caso o dell'intuito di una singola persona, ma si costruisce spendendo un mucchio di soldi in focus group, in figure dedicate e formate per studiare l'ergonomia, in ore di lavoro per realizzare prototipi, ecc...

Semplicemente dico che se SRAM ha deciso di non profondere tutte queste risorse per un distanziale che comunque fa il suo lavoro non ci vedo nulla da recriminare.

Come dici tu rispetto i punti di vista diversi dal mio, quindi se la pensi diversamente nessun problema da parte mia
 

SCR1

Recordman
19 Maggio 2008
31.598
6.717
Fiorentino ai 100%
Bici
Scott CR1 SL+Specialized New tarmac SL6
Io per lavoro mi occupo anche di procedure che un numero indeterminato di utenti deve svolgere in autonomia. Ecco, le istruzioni NON LE LEGGE NESSUNO, puoi scriverle bene o male. In piccolo od in grosso, non c'è nulla da fare .L'unico modo per essere sicuro che la procedura "funzioni" (= l'utente ottenga quanto necessita) è che non ci siano modi per sbagliare. E parliamo di utenti motivati (devono usare certi strumenti e procedure) e di un certo livello tecnico.

Questo vale (o dovrebbe valere) per qualsiasi oggetto di uso “comune" e non specializzato; in questi caso parliamo di trasportare la bici smontando una ruota, non di spurgare l'impianto. Se serve il manuale per capire come si aziona una maniglia o si infila un distanziale, consentimi di pensare che l'oggetto non sia progettato bene dal punto di vista dell'usabilità.
Purtroppo non esiste più materiale semplice, occorre leggere, a se non si legge occorre molta intelligenza. Qui si parla di un distanziale, senza pensare ad una regolazione per esempio, di un deragliatore anteriore toggle, che nemmeno il più esperto, se non legge la procedura, regolerà mai
 

mikimetal91

Passista
10 Agosto 2010
3.765
872
31
torino
Bici
Pellegrino proto01
dopo 246 pagine di problemi, dubbi su come fare le manutenzioni e cose varie, penso proprio che i freni a pattino restino più semplici e più adatti a chi vuole andare in bici senza complicazioni aggiuntive
 
  • Mi piace
Reactions: gianluca1411

Lumi

Apprendista Scalatore
8 Novembre 2020
1.855
1.579
51
Legnano
Bici
Colnago V3Rs
questo e' un 3d si servizio, scrivete qui quali problemi avete o avete avuto coi freni a disco, cercheremo la soluzione o scrivete come avete risolto,
pregherei di astenersi chi uno usa i dischi, per polemiche, lazzi, cazzi e mazzi vari ci sono gia' 4 3d aperti,

dopo 246 pagine di problemi, dubbi su come fare le manutenzioni e cose varie, penso proprio che i freni a pattino restino più semplici e più adatti a chi vuole andare in bici senza complicazioni aggiuntive
Mi sa che non hai letto bene tutti i messaggi, o forse hai saltato proprio il primo e piu’ importante
 
  • Mi piace
Reactions: RickFDA and sembola

kikhit

Velocista
21 Dicembre 2004
5.811
2.632
tra torinese e pinerolese, un po' qui e un po' lì
www.thegroupmtb.it
Bici
una bitumiera e altri aggeggi a pedali con due ruote più o meno grasse
dopo 246 pagine di problemi, dubbi su come fare le manutenzioni e cose varie, penso proprio che i freni a pattino restino più semplici e più adatti a chi vuole andare in bici senza complicazioni aggiuntive

Guarda, io uso ancora quelli a bacchetta, non devo stare neppure a regolare il cavo e a sostituirlo.
 

scarafischio

Pignone
20 Luglio 2020
299
330
41
Roma
Bici
Tarmac/Big Nine
dopo 246 pagine di problemi, dubbi su come fare le manutenzioni e cose varie, penso proprio che i freni a pattino restino più semplici e più adatti a chi vuole andare in bici senza complicazioni aggiuntive

ora facciamo come nella discussione dei tubeless...;pirlùn^ per 246 pagine di problemi ce ne potrebbero essere 2460 di gente contenta e soddisfatta, ma non si fanno perchè sarebbe stupido farle. Se lo capisci, stai a buon punto
 
  • Mi piace
Reactions: sembola

FrankMar

Pedivella
2 Ottobre 2017
450
192
Rezzato (BS)
Bici
MTB: Scott Scale 900. BDC: Bianchi Infinito CV Disc 2018
In realtà si , ma non compaiono sul documento 2022, comunque le danno un 40% più resistenti delle L03A le quali erano un 30 % più resistenti delle L02, attendiamo di non consumarle più
Vorrà dire che ad ogni cambio pastiglie seguirà il cambio anche dei dischi. Già con le 03 due cambi portano alla fine i dischi (meno di 1,5 mm di spessore):cry
 
  • Mi piace
Reactions: SCR1

bonny92

Velocista
16 Luglio 2017
5.167
4.275
30
Franciacorta, oddio un pò più in giù!
Bici
Canyon ultimate cf sl disc 8.0 & Cannondale F29 team
Guarda, io uso ancora quelli a bacchetta, non devo stare neppure a regolare il cavo e a sostituirlo.
Ma voi vi andate a cercare i problemi proprio, se c'è il copertone sulla ruota e siete dotati di piedi perché mai aggiungere inutili orpelli per fare la stessa cosa?
Quello che non c'è non si rompe (Cit.) sempre tutto bisogna spiegarvi, l'ho detto giusto ieri a @sembola che vi soppravvaluta a voi altri.
 

gianluca1411

Apprendista Velocista
25 Settembre 2009
1.309
161
Bici
tarmac S-Work SL6
c'è un'anima buona che mi spiega in maniera semplice come agire quando i pistoncini non escono in maniera simmetrica .. ho un impianto sram force axs
grazie