Davide Rebellin travolto ed ucciso da un camion

Casinò Royale

troll onesto con poche idee
26 Ottobre 2022
190
233
35
750 km dal Brennero
Visita sito
Bici
cargo
Lo si può fare benissimo anche senza targa.
Altrimenti la mancanza di targa diventa un pretasto per gli altri per dire che le bici possono fare ciò che vogliono e restare impuniti, quando invece una targa non le rende più sicure nel traffico con le auto.
La targa non equivale a mettere o meno il casco, ad esempio.
Secondo me il casco è una protezione passiva, la targa deve essere una protezione preventiva, puramente formale intendiamoci, ma una targa aiuta ad identificare un veicolo, è questo il concetto, la bicicletta deve essere concepita come un qualsiasi altro veicolo che transita su di una strada aperta al traffico, altrimenti qua non ne usciremo mai.
 
23 Ottobre 2015
5.735
3.055
Varese
Visita sito
Bici
Cube, Specialized
Secondo me il casco è una protezione passiva, la targa deve essere una protezione preventiva, puramente formale intendiamoci, ma una targa aiuta ad identificare un veicolo, è questo il concetto, la bicicletta deve essere concepita come un qualsiasi altro veicolo che transita su di una strada aperta al traffico, altrimenti qua non ne usciremo mai.
Sì certo, ma credi che cambi qualche cosa avare o meno la targa quando, come si diceva qualche post sopra, ti tagliano la strada per svoltare dopo averti superato, travolgendoti, perché dicono che non ti hanno visto?

La targa torna utile per identificare chi commette infrazioni in bici senza fermarlo, non per renderlo più visibile.
Per questo occorrerebbe un'enorma freccia luminosa che indica la bici, magari che compare su i cellulari di chi guida nel raggio di 500 m.
 

Maverik89

Apprendista Velocista
15 Dicembre 2009
1.753
929
Torino
Visita sito
Bici
lsdb 666 road XCr
perchè io, ma son sicuramente in difetto, non sopporto il falso buonismo.

così come mi girano le scatole quando gli stessi giornalisti che volevano far notizia su un caso di doping sbattendo "il mostro" in prima pagina, poi si stracciano le vesti e propinano articoli/libri/storie su quanto fosse unico e quanto ci manchi ora quella stessa persona.

così come quella parte di articolo postato prima, mi "vien il nervoso" a vedere cio' che scriveva un giornale, che oggi magari si fà "paladino" per la parte opposta
Sulla parte in grassetto hai ragione ed è la molto conosciuta "prostituzione intellettuale".

ma sinceramente riguardo a Vegni e soprattutto al caso Rebellin, a livello sportivo e umano le cose sono su piani totalmente differenti, non è che non volendo un corridore al giro gli si augura la morte sotto ad un camion.
Al limite si poteva accusare Vegni di incoerenza dato che al giro 2015 Contador potè partecipare mentre Rebellin no, non tanto perchè in comune hanno scontato una condanna per doping di 24mesi, ma per il fatto che pure post condanna a livello di immagine non hanno mai fatto un "mea culpa", ma questo ragionamento lo si poteva fare anche con il povero Davide Rebellin in vita e anche se fosse vivo adesso.

Purtroppo non c'è più e la causa è che forse è stato "ammazzato" sulla strada.

sintetizzando: tu puoi anche non voler avere a che fare con me sul lavoro, ma non mi auguri certo la morte!
 

alespg

Passista
26 Dicembre 2017
3.771
2.723
pavia
Visita sito
Bici
scapin eos 3
Al limite si poteva accusare Vegni di incoerenza dato che al giro 2015 Contador potè partecipare mentre Rebellin no, non tanto perchè in comune hanno scontato una condanna per doping di 24mesi, ma per il fatto che pure post condanna a livello di immagine non hanno mai fatto un "mea culpa", ma questo ragionamento lo si poteva fare anche con il povero Davide Rebellin in vita e anche se fosse vivo adesso.
solo per completezza, Rebellin è stato assolto.
 
  • Mi piace
Reactions: golias

pedalone della bassa

Otztaler inside
9 Ottobre 2013
11.025
12.785
41
modena, ma col cuore, ed originario, di Reggio Emi
Visita sito
Bici
(advanced pro nox, argon 18 gallium), ora Cervèlo S3
Sulla parte in grassetto hai ragione ed è la molto conosciuta "prostituzione intellettuale".

ma sinceramente riguardo a Vegni e soprattutto al caso Rebellin, a livello sportivo e umano le cose sono su piani totalmente differenti, non è che non volendo un corridore al giro gli si augura la morte sotto ad un camion.
Al limite si poteva accusare Vegni di incoerenza dato che al giro 2015 Contador potè partecipare mentre Rebellin no, non tanto perchè in comune hanno scontato una condanna per doping di 24mesi, ma per il fatto che pure post condanna a livello di immagine non hanno mai fatto un "mea culpa", ma questo ragionamento lo si poteva fare anche con il povero Davide Rebellin in vita e anche se fosse vivo adesso.

Purtroppo non c'è più e la causa è che forse è stato "ammazzato" sulla strada.

sintetizzando: tu puoi anche non voler avere a che fare con me sul lavoro, ma non mi auguri certo la morte!

ma che centra?
ma chi avrebbe mai augurato una cosa del genere?
è una sintetizzazione, veramente........
 

stambecco

Maglia Rosa
14 Giugno 2005
9.875
3.110
cane sciolto
Visita sito
Bici
si
guarda che all’estero sempre più centri abitati hanno il limite dei 30 km/h.
In Italia sarebbe già un successo convincere gli automobilisti a fermarsi per le strisce pedonali.

la mia paura è che, come spesso accade da noi, una decisione anche apprezzabile e giusta ma rivolta a persone ignoranti ci si rivolti contro, sai come?
andando più piano le persone (non tutte ovviamente) si sentiranno ancora più incentivate a guardare il telefono o i merdosi dispositivi inutili di cui le macchine moderne sono piene. Fateci caso, da diversi anni a questa parte quando scatta il verde non senti un clacson, una volta bastava una frazione di secondo dal verde per essere clacsonato
 

Maverik89

Apprendista Velocista
15 Dicembre 2009
1.753
929
Torino
Visita sito
Bici
lsdb 666 road XCr
ma che centra?
cosa c'entra cosa? il piano sportivo/lavorativo di chi fa ciclismo per professione con il lato umano di una tragica scomparsa intendi? assolutamente nulla e questo stavo spiegandoti con un discorso troppo prolisso per un argomento banale pertanto
posso dire che, in questi casi di lutto, la cosa che mi dà una gran rabbia, è anche l'ipocrisia che si manifesta

1669883980699.png


"carissimo" Vegni, visto che parli, il più delle volte lo fai a sproposito e senza un minimo e di logicità (e senza neppure autocritica quando sbagli clamorosamente) ora potresti spiegarci degli inviti al Giro 2015, dove invitasti la CCC, avendo l'accortezza di "caldeggiare" il non inserimento tra i partecipanti di Davide?!?!?!?!
ciò che hai scritto qua sopra non ha alcun senso e non c'è nessuna ipocrisia in questo caso.

in altre situazioni l'ipocrisia c'è e c'è stata e sono pienamente d'accordo con te!
 

pedalone della bassa

Otztaler inside
9 Ottobre 2013
11.025
12.785
41
modena, ma col cuore, ed originario, di Reggio Emi
Visita sito
Bici
(advanced pro nox, argon 18 gallium), ora Cervèlo S3
cosa c'entra cosa? il piano sportivo/lavorativo di chi fa ciclismo per professione con il lato umano di una tragica scomparsa intendi? assolutamente nulla e questo stavo spiegandoti con un discorso troppo prolisso per un argomento banale pertanto

ciò che hai scritto qua sopra non ha alcun senso e non c'è nessuna ipocrisia in questo caso.

in altre situazioni l'ipocrisia c'è e c'è stata e sono pienamente d'accordo con te!

io (e poi chiedo scusa e torno i.t.) ma son fatto male lo sò, non avrei mai usato quelle parole, che mi sanno pure un velo ipocrite, visto il (neanche tanto) velato ostracismo che ha subito Davide.

fossi stato in Vegni (e per fortuna/sfortuna non lo sono) avrei usato altre parole per esprimere dolore e condoglianze.
 

RamboGuerrazzi

Passista
28 Marzo 2007
4.268
2.758
centroitalico
Visita sito
Bici
corsa+gravel
perché non ci sono controlli. Il Paese dei balocchi.
Però se metti i controlli ecco tutti che contestano le multe e si incazzano.
All'estero ti prendi una multa, paghi e taci, se contesti finisci solo di più nei guai.

in norvegia la multa è proporzionale al tuo reddito. Al cumenda col cayenne gli fanno una sega 50€ di multa perché andava a 80km/h dentro un centro abitato.
 

RamboGuerrazzi

Passista
28 Marzo 2007
4.268
2.758
centroitalico
Visita sito
Bici
corsa+gravel
Secondo me il casco è una protezione passiva, la targa deve essere una protezione preventiva, puramente formale intendiamoci, ma una targa aiuta ad identificare un veicolo, è questo il concetto, la bicicletta deve essere concepita come un qualsiasi altro veicolo che transita su di una strada aperta al traffico, altrimenti qua non ne usciremo mai.

quindi dobbiamo mettere la targa anche ai pedoni? Posto che gli automobilisti si ammazzano anche (e soprattutto) tra di loro, e son tutti targati.
 

palmer

Apprendista Scalatore
20 Ottobre 2005
1.943
1.343
vicino a Milano
Visita sito
Bici
Una in carbonio, una in titanio, ma sei in acciaio
perché non ci sono controlli. Il Paese dei balocchi.
Però se metti i controlli ecco tutti che contestano le multe e si incazzano.
All'estero ti prendi una multa, paghi e taci, se contesti finisci solo di più nei guai.

E già, nel sentire comune collettivo la multa per eccesso di velocità serve per rimpinguare le casse comunali
 

leandro_loi

Passista
20 Luglio 2019
3.816
2.988
52
dovunque si possa pedalare
Visita sito
Bici
mia
E già, nel sentire comune collettivo la multa per eccesso di velocità serve per rimpinguare le casse comunali
Quando forse sarebbe migliore una bella limitazione elettronica della velocità tramite un coso agganciato alla ODB2 dell'auto. Realizzarlo non serve neanche, c'è già. Basterebbe pacchettizzarlo, e se ti trovo senza ad un controllo della polizia, ti sequestro l'auto o te la mando in revisione.
 

dany74

Pignone
22 Luglio 2009
144
53
Belluno
Visita sito
Leggo: "i tedeschi sì che rispettano le regole e sono migliori di noi".

Il camion che ha investito Rebellin era con targa tedesca e forse è tedesco anche l'autista.

Leggo: "in Spagna sì che sono rispettosi dei ciclisti"!

Paura per Valverde, investito da un'auto pirata in Spagna: "Sto bene"​

Il ciclista della Movistar, vittima di un incidente mentre si allenava con un compagno vicino Murcia, tranquillizza i fan su Instagram

02.07.2022 18:56



Alcantarilla (Spagna) - Attimi di paura per Alejandro Valverde che, mentre si allenava insieme ad un suo compagno nei pressi di Alcantarilla, vicino Murcia, nel sud della Spagna, è stato investito da un'auto pirata: il 42enne di Las Lumbreras trascorrerà una notte sotto osservazione in ospedale e poi sarà dimesso. Il team Movistar ha fatto sapere che Valverde "non ha riportato fratture o ferite gravi" dopo l'incidente, ma solo alcuni graffi, abrasioni e contusioni. "Anche l'altro ciclista sta bene", ha scritto la squadra su Twitter. Secondo i media spagnoli, il conducente dell'auto è fuggito dalla scena. Valverde è uno dei migliori ciclisti della sua generazione grazie alla sua capacità di competere sia nei grandi tour di tre settimane che nelle classiche di un giorno.

Valverde: "Solo un grande spavento"​

"Voglio ringraziarvi tutti per il supporto e l'affetto che ho ricevuto oggi. Per fortuna è stato solo un grande spavento e sto bene", la didascalia scritta su Instagram da Alejandro Valverde accanto ad un selfie in ospedale nel quale mostra il pollice all'insù.

 
  • Mi piace
Reactions: Joop

palmer

Apprendista Scalatore
20 Ottobre 2005
1.943
1.343
vicino a Milano
Visita sito
Bici
Una in carbonio, una in titanio, ma sei in acciaio
Leggo: "i tedeschi sì che rispettano le regole e sono migliori di noi".

Il camion che ha investito Rebellin era con targa tedesca e forse è tedesco anche l'autista.

Leggo: "in Spagna sì che sono rispettosi dei ciclisti"!

Paura per Valverde, investito da un'auto pirata in Spagna: "Sto bene"​

Il ciclista della Movistar, vittima di un incidente mentre si allenava con un compagno vicino Murcia, tranquillizza i fan su Instagram

02.07.2022 18:56



Alcantarilla (Spagna) - Attimi di paura per Alejandro Valverde che, mentre si allenava insieme ad un suo compagno nei pressi di Alcantarilla, vicino Murcia, nel sud della Spagna, è stato investito da un'auto pirata: il 42enne di Las Lumbreras trascorrerà una notte sotto osservazione in ospedale e poi sarà dimesso. Il team Movistar ha fatto sapere che Valverde "non ha riportato fratture o ferite gravi" dopo l'incidente, ma solo alcuni graffi, abrasioni e contusioni. "Anche l'altro ciclista sta bene", ha scritto la squadra su Twitter. Secondo i media spagnoli, il conducente dell'auto è fuggito dalla scena. Valverde è uno dei migliori ciclisti della sua generazione grazie alla sua capacità di competere sia nei grandi tour di tre settimane che nelle classiche di un giorno.

Valverde: "Solo un grande spavento"​

"Voglio ringraziarvi tutti per il supporto e l'affetto che ho ricevuto oggi. Per fortuna è stato solo un grande spavento e sto bene", la didascalia scritta su Instagram da Alejandro Valverde accanto ad un selfie in ospedale nel quale mostra il pollice all'insù.


Vero!
tuttavia mi capita ogni tanto di pedalare nel Canton Ticino.
Passi la frontiera a Como/Chiasso e sembra di entrare nel paese del bengodi, tanta è la differenza.
Nessun automobilista, ripeto nessun automobilista (già poche decine di metri dopo la frontiera) non ti porta rispetto
 

Ultimi itinerari e allenamenti